Home Page del Comune Clicca per approfondimenti

Clicca per visualizzare la guida alla navigazione
 
 

TERRITORIO

 

in evidenza

 

Risorse

 

 
Sei in: - STORIA - La I° Guerra Mondiale

La I° Guerra Mondiale
Testi a cura del Prof. Giuseppe Di Girolamo  maggiori info autore

Non si aveva ancora il tempo di riprendersi dallo smarrimento che un nuovo dramma, non più circoscritto alla Marsica, ma esteso all'Italia intera e al mondo civile, sconvolgeva i piani di rinascita delle nostre popolazioni: La Prima Guerra Mondiale.. Scoppiata nell'anno precedente, l'Italia per il momento si era mostrata neutrale Ma correnti interventiste divennero sempre più numerose e violente trovando appoggi in ambienti industriali e militari. Gli irredentisti giuliani e trentini, poi, fecero sì che le correnti interventiste trovassero un comune denominatore nella guerra contro l'Austria, nonostante l'Italia facesse parte della triplice alleanza con l'Austria e la Germania. Tali forze, sebbene trovassero in parlamento forti ostacoli da parte dello schieramento neutralista formato da cattolici, liberali di sinistra parte dei socialisti, alla fine ebbero il sopravvento. 
 
Il governo Salandra cominciò a spostarsi dal suo neutralismo iniziale verso l'interventismo con la connivenza del Re e degli ambienti di corte. Le masse popolari, assenti dalla lotta politica fra interventisti e neutralisti, si mostrarono renitenti davanti ad una guerra che li avrebbe strappati dalle proprie famiglie e dal proprio ambiente, senza la prospettiva di un benché minimo vantaggio. Tali sentimenti erano maggiormente accentuati nelle zone del terremoto.
Il potere, insensibile dinanzi al dramma della Marsica, si preoccupò subito fin dal 22 gennaio ad inviare nelle terre terremotate una richiesta tesa all'accertamento delle condizioni degli archivi di leva nei comuni . " Di un eventuale esonero dalla prestazione del servizio militare per gli scampati del disastro non si parla".
  
Il 24 maggio l'Italia dichiarava guerra all'Austria. Così nella Marsica martoriata i giovani in grado di portare le armi vennero strappati dai focolari che tentavano invano di ricostruire. Molti non torneranno più lasciando nel dolore genitori, spose, figli. Per comprendere quale fosse il disagio delle nostre popolazioni in quei momenti terribili basta leggere il brano di una lettera che il quindicenne Secondino Tranquilli, il futuro Ignazio Silone scrive al Fratello da Pescina il 25 maggio 1915 
  
Ogni disgrazia è seguita da disgrazie! E il terremoto ha voluto dietro di sé la guerra e la guerra vorrà ancora!…chi sa cosa vorrà. Ed io per la guerra sono dovuto tornare a Pescina che il Seminario di Chieti lo ha requisito il Governo come ospedale militare. Ahimè! Sono tornato a Pescina, ho rivisto con le lacrime agli occhi le orride macerie, sono ripassato tra le misere capanne, coperte alcune da pochi cenci come i primi giorni, dove vive con una indistinzione orribile di sesso, età, condizione la povera gente……….
Ed ora? Cosa farò? Gli esami non li potrò fare perché dovrei andare in qualche città e bisognerebbe del denaro che non si trova. 
Ma poi, ma poi dove andrò? Come è incerto e forse terribile il mio avvenire! Mi veggo con gli studi interrotti, privo di ogni materiale e morale…Se tu sapessi qua cosa si patisce!….
  
Tuttavia, nonostante tante sofferenze, tanti disagi, una volta evidenziata l'ineluttabilità degli eventi, i soldati marsicani compirono fino al sacrificio supremo, il proprio dovere, mantenendo alto il senso dell'onore e della Patria. In memoria dei suoi Caduti Magliano non innalzerà uno dei soliti monumenti che ornano le piazze d'Italia, ma un Tempio Votivo . Sulle rovine della chiesa già di San Rocco e dedicata al Nome di Maria, fu innalzato a spese cittadine un nuovo edificio quale voto di amore e di riconoscenza di Magliano ai suoi figli caduti da eroi sui campi di battaglia per l'onore della Patria. Il Sacrario venne inaugurato con solenne cerimonia il 20 ottobre del 1932 alla presenza di tutto il popolo e di numerose personalità fra cui l'Ordinario militare, monsignor Angelo Bartolommasi. 
 
L'interno fu decorato con arte e passione dall'illustre pittore maglianese Oreste Amiconi coadiuvato dal decoratore Giovanni Amicucci. 
In un secondo tempo lo stesso Amiconi volle dotare il tempio di un'opera pregevolissima, La Pietà a significare come il dolore non fosse un invito all'odio e alla guerra , ma alla pace ed alla fratellanza fra i popoli.
Non bastando i tristi eventi del terremoto e della guerra venne ad aggiungersi una grave epidemia , la Spagnola che doveva mietere altre vittime. Sembrava che sul nostro paese martoriato incombesse un'antica maledizione. Ma il popolo non si lasciò vincere . Il dolore infatti alimentò la fede e nel ricordo dei propri cari sorse la forza per la rinascita. Gli anni del dopoguerra furono anni di attività febbrile. Fu rimesso in funzione lo stabilimento laterizi. 
   
La sirena dell'opificio tornò a far sentire la sua voce per annunciare l'inizio e la fine dei lavori. Furono riprese le opere della bonifica dei campi Palentini, ma ripresero anche le lotte della lega dei Contadini allo scopo di ottenere migliori condizioni di vita con contratti meno iniqui. L'esperienza della guerra aveva rese le classi subalterne consapevoli delle loro potenzialità e dell'importanza del lavoro per lo sviluppo della società civile. Si incominciò a parlare più spesso di socialismo, mentre prendeva sempre più piede il nuovo partito popolare. L'immediato posterremoto non permise una ordinaria attività amministrativa per cui . dimessosi nel febbraio 1915 il sindaco Nicola Di Clemente, fu nominato dal Prefetto dell'Aquila un commissario speciale nella persona di Alonzo Mario che rimase in carica sino al 1920. Distrutto il palazzo municipale, il comune fu trasferito in una costruzione provvisoria in via Cicolana ove attualmente c'è il palazzo delle poste ed allora sorgeva il baraccamento , che portava il nome di Vicenza dalla città che ne aveva finanziata la costruzione.. 
 
Questo periodo dal lato amministrativo fu molto travagliato se nel giro di cinque anni si succedettero a capo del comune tre sindaci e tre commissari prefettizi fino al giorno in cui Mussolini, preso definitivamente il potere , instaurando la dittatura , scioglieva tutte le Amministrazioni Comunali e a loro posto poneva un Podestà di nomina governativa. L'ultimo sindaco fu l'avvocato Pietro Tavani, che, insediatosi ai primi di marzo del 1924, sebbene con delibera consiliare avesse espresso la devozione dell'Amministrazione al Duce del Fascismo, fu costretto a dimettersi nel maggio successivo. Dopo alcuni commissari prefettizi , fu nominatone nel giugno del 1926 il primo podestà nella persona di Alfredo Tomassetti. A questi succedette nel 29 Vincenzo Pietrangeli.
 
Ma torniamo un passo indietro. Il terremoto, oltre a distruggere il centro abitato di Magliano danneggiò gravemente anche la chiesa e il Convento di san Martino tanto da renderlo inagibile. I padri francescani si trasferirono allora nel Casale di Cotecorno di proprietà Di Clemente. Nel frattempo si era reso libero il convento di San Domenico, essendosi i Domenicani trasferiti altrove. Il padre guardiano dei Francescani, padre Giuseppe Ciavattoni pose le mire sul vasto complesso e iniziò le pratiche con il generale dei Domenicani. Molti Maglianesi erano favorevoli ad una tale traslazione, ma la cosa non piacque al vescovo dei Marsi Monsignor Bagnoli che pose il suo veto. Il parroco, don Vincenzo Giusti, non poteva che seguire il suo vescovo. 
   
Il fatto suscitò una vasta reazione da parte di molti cittadini. Si giunse al punto che alcuni sprangarono le porte della Chiesa di Santa Maria di Loreto che fungeva allora da parrocchia, per impedire al parroco di celebrare i sacri riti.. I frati, forti del favore popolare, entrarono in San Domenico. Invano la forza pubblica cercò di riportare l'ordine. Il Vescovo minacciò l'interdetto ma i frati insisterono nel loro proposito. Si trattava di una vera ribellione all'Autorità ecclesiastica. Per fortuna, prima che si degenerasse in una vera ribellione con spargimento di sangue intervenne il maglianese padre Vincenzo Di Lorenzo, una personalità nel campo ecclesiastico e ben addentro nel Vaticano. 
Un inviato della Curie Romana consigliò monsignor Bagnoli a cedere, mentre i Frati avrebbero dovuto chiedere pubblico perdono al Vescovo. Questo avvenne nella pubblica piazza alla presenza della cittadinanza e delle autorità civili: Tornò la pace, Don Vincenzo Giusti venne trasferito ad Avezzano nella parrocchia di San Giuseppe in attesa di divenire parroco della cattedrale non appena questa fosse terminata. 
 
Nell'immediato dopoguerra, sebbene a Magliano la lotta politica non avesse mai preso quei toni accesi che sono caratteristica dei paesi del territorio fucense, tuttavia, come già abbiamo accennato, episodi che vivacizzavano l'ambiente cittadino, non mancarono. Ciò accadeva specialmente durante le feste patronali, la richiesta alle bande di eseguire l'inno dei lavoratori o la marcia reale o qualche inno fascista, creava tafferugli che i carabinieri riuscivano presto a sedare.
   
I proprietari terrieri fin dal primo momento avevano aderito al fascismo e così anche i diseredati senza arte né parte sperando nei sussidi governativi, non così i contadini aderenti alla lega e gli artigiani. Questi parte aderirono al socialismo, parte al nuovo partito popolare di don Sturzo. Frattanto lo stato veniva sempre più trasformandosi in stato autoritario nonché si faceva sempre più palese l'identificazione dello stato col fascismo. A Magliano la Lega contadina fu sciolta , la sua bandiera verde andò ad adornare i trofei dei vincitori.
 
L'opposizione a poco a poco scomparve. Solo pochissimi seguitavano a dimostrare la loro contrarietà ma nel segreto delle loro famiglie. Uno andò in esilio in Francia. Fu questo un periodo di relativa calma, sembrava che tutti i problemi fossero scomparsi all'incanto, Parate paramilitari, manifestazioni patriottiche, giuochi ginnici distoglievano l'opinione pubblica dai gravi problemi. La scuola fascistizzata cercava di formare le nuove generazioni non a sentimenti di libertà e di giustizia sociale, ma all'amore quasi feticistico della Patria che veniva a coincidere col grande capo, il Duce. 
  
Alcune grandi opere pubbliche, come il prosciugamento delle Paludi Pontine per la messa a coltura, crearono entusiasmi che divennero parossistici quando sui colli fatali di Roma tornò a splendere l'Impero. Le campane delle chiese suonarono a festa. A Magliano le campane di Santa Lucia in attesa di essere ricollocate nel campanile appena ricostruito, erano ancora collocate su una impalcatura di travi di legno ed i ragazzi un po' grandicelli facevano a gara, alternandosi, a suonarle agitando il battaglio da una parte all'altra. Facevano eco a queste le campane di San Domenico. Grandi fuochi furono accesi nei diversi rioni del paese. La banda cittadina girava per le vie cittadine suonando giovinezza.
Fu un bel sogno, ma come tutti i sogni destinato a svanire nel nulla. Il boom edilizio, che aveva caratterizzato gli anni della ricostruzione già dagli inizi degli anni trenta andava rallentando. Durante la ricostruzione un Ufficio del genio civile era stato distaccato a Magliano per l'attuazione di un piano di interventi in ordine al ricovero delle popolazioni dei Comuni di Magliano e di Massa D'Albe. Lo presiedeva l'ingegner Oliviero Colmignoli. Questi vi era stato inviato il 17 gennaio 1915 . 
 
Stabilitosi a Magliano doveva provvedere a dieci paesi terremotati. Per Magliano progettò e diresse la costruzione delle Scuole Elementari, provvide alla sistemazione dei Fiumi Imele e Raffia, progettò e diresse la costruzione della strada per Marano. Aveva in programma la ristrutturazione e il recupero del vecchio centro storico, quando nel dicembre del 1922 lasciava Magliano non si conoscono i motivi di tale abbandono, forse ciò fu dovuto a beghe locali ed a inutili rivalità professionali, secondo il racconto dei nostri padri. :Nell'attività esplicata nella Marsica l'ingegner Colmignoli , per la laboriosità, per il fervore con cui assumeva ogni iniziativa, per la preparazione professionale e per l'assoluta indipendenza di giudizio ebbe a conquistarsi il rispetto e la stima di tutta la popolazione.
  
Nel 1922 erano stati ricostruiti gli edifici scolastici delle Scuole Elementari , nel 1929 venne completato il municipio: opera senz'altro degna di rilevo, sebbene eclettica, per la maestà del prospetto, per l'ampia aula consiliare, simbolo della nuova Magliano. Fu opera dignitosa sebbene eclettica dell'ingegner Francesco Pietrangeli. Le case private con i contributi del terremoto erano ormai quasi tutte costruite.. Molte case popolari realizzate in questo periodo andavano sostituendo i primi baraccamenti provvisori per lo più costruiti con tavole. Nel 1934 iniziarono i lavori per la ricostruzione della Chiesa di Santa Lucia. Fu inaugurata il 20 dicembre del 1937 con grande concorso di popolo dal vescovo dei Marsi Monsignor Marcello Bagnoli: Il bel campanile , ricostruito ab imis fundamentis, tornò a svettare nel cielo, segno di un popolo risorto dalle macerie. La voce delle sue campane riprese ad echeggiare nell'ampia piana dei Palentini. Negli stessi anni veniva costruito l'edificio dell'Asilo Infantile.
 

 
Sei in: - STORIA - La I° Guerra Mondiale

Territorio

 
 


Team sviluppatori
| Grafica e Redazione | Copyright