Home Page del Comune Clicca per approfondimenti

Clicca per visualizzare la guida alla navigazione
 
 

TERRITORIO

 

in evidenza

 

Risorse

 

 
Sei in: - PERSONAGGI - Pia Fulgenzi

Pia Fulgenzi
Testi a cura del Prof. Giuseppe Di Girolamo  maggiori info autore
Pia FulgenziNata a Magliano dei Marsi è residente in Avezzano. Diplomata all'Accademia di Belle Arti di L'Aquila con una tesi innovativa sull'Emancipazione della linea dai Preraffaelliti alla Pop Art, insegnante per molti anni, sposata giovanissima e madre di tre figli, riesce comunque a ritagliarsi il tempo per l'attività artistica e per una ricerca personale seria e costante. Pittrice e poetessa, pubblica la sua prima raccolta di versi nel 1985, dal titolo Schiara ed annuvola (Premio di poesia "Cinque Terre 85 " e "La Spezia 86"), nel 1992 pubblica la seconda raccolta di poesie: "Fiori di fiamma" di cui esegue anche le illustrazioni interne e la copertina. E' presente in molte antologie anche per la narrativa. Contemporaneamente espone in mostre collettive e personali:
Velletri 1979 Mostra giovanile AteneoLe fate scolpite - acrilico e olio su tavola - 2002 (60x85) Salesiano 

Magliano dei Marsi 1984- Mostra Comitato Africa 
Avezzano 1986- Galleria Il Caso Pittori contemporanei 
Pittori Internazionali per la pace- Centro Polivalente Luco dei Marsi 1988
Presenze tra presupposti e tendenze nell'attualità- Avezzano 1989-90
Personale "I miei Angeli" Gallería d'Arte Contemporanea -Avezzano 1990
Collettiva VITARTEAFRICA, Sala Consiliare Comune di Magliano dei Marsi 1991
"Avezzano 900" Rassegna d'Arte Contemporanea, Museo Civico di Avezzano 1991 \92 
L'Aquila collettiva giovanile AA. BB.(Pettino)1992
Grafica per la facciata della Chiesa di Santa Caterina - Cittaducale 1993
Magliano dei Marsi Sala Consiliare, Mostra personale "Diamanti"1993 Collettiva
Nuove proposte- Galleria d'Arte Moderna Teramo 1994
Poster "I Portali Aquilani" L'Aquila 1994
Progetto per il premio Musica e poesia Lions 1995 Personale - "La Piccola Galleria" Avezzano 1996 
Personale - Galleria d'Arte Contemporanea Avezzano 1996  
Collettiva Galleria Il Gabbiano San Benedetto del Tronto 1997  
Gli artisti per il folclore Capistrello 1997 
Grafica poster e logo per Il telefono Azzurro Avezzano 1997 
Eventi Estate 1997- Comune di Avezzano, Assessorato alla Cultura- Progettazione grafica e testi per il catalogo di Franco Murer 
Avezzano 1998- Grafica poster e logo per L'autismo e i suoi misteri 
Personale- Galleria delle Erbe Seconde - "Invenzione Immagini" Pescasseroli 1999
Avezzano 2001- logo su tavola per il Centro Psico-Pedagogico dell'età Evolutiva -Comune di Avezzano  
Avezzano 2003- Ricognizione dell'Arte Visiva nell'area Morsa: Agosto 2003- (Prima esposizione) 
20 Dicembre 2003-6 Gennaio 2004 Seconda esposizione 
S.Demetrio ne' Vestini (L'Aquila)- Sala Aurora -Collettiva con gli artisti francesi di Verdelais Aprile-Maggio 2004 
Avezzano 2004 - Média Corradini - Personale " Miriadi" 
Dal 1994 al 2004 esegue grafiche con tecniche Litografiche, xilografiche, linoleografiche su carte speciali.
Hanno scritto di lei: Ermanno Circeo, Emidio Di Carlo, Giuseppe Di Girolamo, Francesco Di Gregorio, Vittoriano Esposito, Leonello Farinacei, Sergio Iacobini, Francesca letta, Francesco Muzi, Fabio Mauri, Ugo Maria Palanza, Giovanni Pscihedda, Anna Ventura.

 

Testo critico
di 
Leonello Farinacci
  
Nell'opera pittorica di Pia Fulgenzi l'alfabeto dei simboli si fa immagine,
Pittrice e fine poetessa, questa artista combina entrambe le qualità in una reciprocità del tutto funzionale, in guisa che la sensibilità s'incontri con l'immaginazione, l'intuizione con la creatività.
 
Colta ed in possesso di studi appropriati, da anni l'artista è impegnata in una ricerca assidua, tramata di prove e di percorsi che hanno via via attraversato le più significative gamme espressive: dal classicismo all'espressionismo, dal futurismo all'astrazione. Gli approdi attuali potrebbero essere definiti nel modulo apparentemente riduttivo, ma certo efficace, di "rinascimento rivisitato".
 
Essi infatti si connotano per un genere di pittura bidimensionale, intessuta di tagli di luce e di contrasti cromatici, ove gli "ori" rimandano ad una idea di bellezza filtrata nel tempo e restituita nella sua intatta essenzialità.
Le figure ruotano in spazialità virtuali, come assorte in un processo di autoidentificazione, lungo linee di forza chiaramente futuriste. Sfilano, foggiate in divise simbolo, come in una galleria della memoria, sotto un cielo piatto e punti di fuga senza fine: ognuna nei suoi pensieri, chiusa nella sua incomunicabilità, in un sistema binario di vicendevoli relazioni.
La Fulgenzi, con tenera lucidità, trasferisce nelle "sagome" allineate in un circolo, ostruito di spazi e di luce, la sua visione del mondo, le sue delicate riflessioni sull'essere, con le morbide sottolineature propiziate dall'uso discreto degli acrilici.
 
Dopo la prima fase "rinascimentale", dalle tonalità classiche, la Fulgenzi avvia un approccio agli approfondimenti di tipo espressionistico, tesi al raggiungimento di un'essenzialità del segno più scabro ed immediato, fino alla piena maturità espressiva, verticalizzata e sfaccettata, di ascendenza futurista.
 
Oggi l'artista , come in un "hortus conclusus", circolarmente rivisita, secondo una linea di svolgimento organico, le problematiche e le tecniche pittoriche, con esiti autonomi. Ed è così vero che il tratto, il segno e persino le tematiche visualizzate sono senza ombra di dubbio immediatamente attribuibili all'autrice, come pure i dinamici e trasparenti giochi spazio-prospettici realizzati con spirito di finezza nei meditati passaggi dall'astratto spezzato a quello più morbido, grazie al dosaggio cromatico. 
Pia Fulgenzi possiede ancora ampi margini per offrirci altre significative sorprese.
 
 

Testi tratti dal libro Berardo Amiconi e altri artisti di Magliano dei Marsi

 

 
Sei in: - PERSONAGGI - Pia Fulgenzi

Territorio

 
 


Team sviluppatori
| Grafica e Redazione | Copyright